Energia, lavoro, corpi. Ontologie materiali della transizione

Ciclo di seminari. Ottobre 2017 - Aprile 2018
Dipartimento Culture, Politica e Società, Campus Luigi Einaudi, Torino

Le crisi economica ed ecologica stanno spingendo gli studiosi verso un’accelerata integrazione di discipline sociali e bio-fisiche. I sociologi si rendono conto che i processi di trasformazione dei sistemi sociali possono essere compresi solo a patto di considerare il mondo materiale nel quale sono inscritti. Gli scienziati bio-fisici si stanno rendendo conto che l’incertezza nel prevedere i fenomeni naturali è causata dall’interazione con il mondo umano, e che quindi la componente socio-culturale è ineliminabile dalle loro investigazioni. In breve, il quadro scientifico muta orientandosi verso nuove ontologie, ossia verso problematiche che richiedono l’integrazione delle diverse discipline. Questo primo ciclo di seminari di SoLars intende introdurre tali aspetti, proponendo un’iniziale riflessione sule ontologie future della transizione.

Per la lista completa dei seminari visita l'elenco delle attività correnti oppure la pagina facebook della Cattedra. 

lamp

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giovedì 8 febbraio 2018, Campus Luigi Einaudi, Torino
LITTERING: COME GLI OGGETTI INFLUENZANO I GESTI QUOTIDIANI
Luigi Bosio (E.R.I.C.A. Soc. Coop.)
Stefano Magariello (Dipartmento di Cultura, Politica e Società - Unito)
L’abbandono di rifiuti di piccole dimensioni nell’ambiente (littering) è un fenomeno dalle evidenti conseguenze ecologiche. Lo studio sociologico della questione non può prescindere dall’osservazione e dall’analisi delle pratiche che lo caratterizzano: gesti quotidiani di abbandono di oggetti (sigarette, volantini, piccoli imballaggi, ecc.). Un’attenta analisi delle pratiche di littering può essere un contributo cruciale nello sviluppare azioni di contrasto a questo comportamento, purtroppo ampiamente diffuso.

    

 

Giovedì 15 febbraio 2018, Campus Luigi Einaudi, Torino
GLI INDICATORI DELL’ISTAT PER GLI OBIETTIVI DI SVILUPPO SOSTENIBILE DELLE NAZIONI UNITE (SDGs)
Barbara Baldazzi e Giovanna Tagliacozzo (ISTAT, Roma)
L’Istat è stato chiamato dalla Commissione statistica delle Nazioni Unite a svolgere un ruolo attivo di coordinamento nazionale nella produzione e nell’aggiornamento degli indicatori relativi ai 17 Sustainable Development Goals (SDGs), e ai relativi 169 Targets per promuovere lo sviluppo sostenibile secondo l’Agenda 2030 dell’ONU. Al momento l’Istat ha reso disponibili 201 indicatori: la presentazione intende fare il punto sull’avanzamento nello sviluppo di questo lavoro e delle problematiche a esso collegate. 

   

 

Giovedì 1 marzo 2018, Campus Luigi Einaudi, Torino
IL COLLASSO DELLA MODERNIZZAZIONE: Robert Kurz e l’avvento del capitalocene
Riccardo Frola (studioso della critica del valore)
Massimo Maggini (studioso dei processi produttivi in contesti di crisi)
Il crollo del socialismo reale segnò davvero la fine di un’epoca? Con questa domanda, ingannevolmente banale, si apre il primo libro di Robert Kurz, Il collasso della modernizzazione. L’autore sostiene che il tracollo del comunismo, causato dal fallimento strutturale dei meccanismi capitalistici comuni a Est e Ovest, è stato soltanto la prima tappa di una crisi irreversibile del sistema mondiale della merce. Una crisi generale, economica, ambientale e geopolitica. L’era che si chiude, allora, è forse quel Capitalocene di cui oggi in molti cominciano a parlare. Un collasso che ha segnato la nascita della più radicale fra le teorie antagoniste del secondo novecento: la critica del valore.

    

 

Giovedì 15 marzo 2018, Campus Luigi Einaudi, Torino
L’INTENSITA’ MATERIALE DELL’ECONOMIA MONDO: una prospettiva di lungo periodo
Fiorenzo Martini (Association of Environmental and Resource Economists, SoLaRS)
A partire dalle indicazioni contenute nell’agenda 2030 delle Nazioni Unite sulla necessità di sganciare progressivamente la crescita della ricchezza dal consumo di risorse naturali, l’intervento esamina l’andamento dell’impronta materiale in relazione all’output economico negli ultimi 150 anni. In particolare si farà riferimento alle ricerche pubblicate recentemente dall’istituto viennese di studi sulla social ecology guidato da Marina Fischer Kowalski, ponendole sullo sfondo della storia dell’economia politica.

                         

 

Giovedì 29 marzo 2018, Campus Luigi Einaudi, Torino
NUOVI APPROCCI CONCETTUALI E METODI PER LA TRANSIZIONE ENERGETICA: DUE PROPOSTE DI RICERCA
Alessandro Sciullo (Università di Torino - Dip. CPS )
Osman Arrobbio (Politecnico di Torino - DIST)
Il primo contributo mira a riconsiderare, nella più ampia cornice dei sistemi socio tecnici (STS), le strategie di coinvolgimento di cittadini e stakeholder nella transizione energetica. Secondo questo approccio la rilevanza degli aspetti sociali non è una semplice opzione - morale, politica o culturale - ma una condizione necessaria al funzionamento di tali sistemi. Nel secondo intervento saranno illustrati obiettivi e azioni di SHAPE ENERGY (H2020), un progetto finalizzato a favorire una migliore integrazione e incisività delle Scienze Sociali e Umane nei processi di definizione delle politiche energetiche europee.

    

 

Giovedì 12 aprile 2018, Campus Luigi Einaudi, Torino
COOPERATIVE ENERGETICHE NELL'UE E NEGLI STATI UNITI: UN CONFRONTO TRA PRATICHE ENERGETICHE DECENTRALIZZATE E LA POTENZIALITÀ DI INCIDER POSITIVAMENTE SULLA TRANSIZIONE ENERGETICA A BASSO CONSUMO DI CARBONIO
Winston Gilcrease (Università di Torino - Dip. CPS, SoLaRS)
Cambiamento climatico e sicurezza energetica: una prospettiva positiva è il driver verso soluzioni innovative per una transizione energetica a basso consumo di carbonio. Le cooperative energetiche contribuiscono alla realizzazione di questo approccio, in quanto aiutano a creare comunità sempre più inclusive sia economicamente che socialmente, fungendo da modello su come le cose possono davvero andare. La transizione energetica vede il cittadino al centro della sua accelerazione, creando fiducia e rafforzando la cooperazione tra le comunità, oltre a supportare sistemi normativi più inclusivi. Tuttavia, rappresentano ancora una piccola quota dei mercati energetici dell'Unione europea e degli Stati Uniti, in cui le cooperazioni emergono sotto forme diverse e sono influenzate da fattori diversi.

      

 

Giovedì 19 aprile 2018, Campus Luigi Einaudi, Torino
I RENDIMENTI DECRESCENTI: il caso della produttività in Europa e della politica monetaria USA
Mauro Bonaiuti e Luigi Oddo (Università di Torino - SoLaRS)
Nel seminario saranno presentati i primi esiti di due ricerche attualmente in corso. Nella cornice analitica delle scienze della complessità e dei rendimenti decrescenti delle società complesse, verranno prima analizzate le dinamiche di lungo periodo della produttività in diversi paesi europei e, poi, quelle relative alla politica monetaria USA.

    

 

Giovedì 3 maggio 2018, Campus Luigi Einaudi, Torino
IL CONCETTO DI EMERGIA COME STRUMENTO DI COMPRENSIONE E ANALISI DEI SISTEMI SOCIO-ECONOMICI E AMBIENTALI E DELLA LORO SOSTENIBILITÀ
Francesco Gonella (Ordinario di fisica, Università Ca’ Foscari di Venezia)
Silvio Cristiano (Ingegnere civile, si occupa di eMergia e sistemi complessi all’Università Ca’ Foscari di Venezia)
Nell’ambito del pensiero sistemico verranno discusse le applicazioni e le nuove prospettive di utilizzo dell’analisi basata sul concetto di eMergia, che è la memoria quantitativa delle risorse investite da parte dell’uomo e della geobiosfera. Si discuterà quindi del possibile ruolo dell’analisi eMergetica in differenti scenari di transizione.

    

 

Giovedì 31 maggio 2018,Campus Luigi EinaudI, Torino
USO PUBBLICO DELL'ACQUA E SERVIZI ECOSISTEMICI: VERSO UNA RIFORMA DEL PREZZO DELL'ACQUA CONFORME ALLA DQA
Vito Frontuto e Silvana Dalmazzone(Dipartimento di Economia e Statistica, Università di Torino)
Le politiche di tariffazione dell'acqua sono strumenti cruciali all'interno dei piani di gestione con l'obiettivo primario di stimolare gli utenti a un consumo idrico più sostenibile. Si propone una riforma della metodologia in base alla quale vengono definiti i canoni per l'utilizzo delle acque pubbliche, con riferimento al caso studio della regione Piemonte. L'obiettivo non è solo quello di recuperare il costo delle misure implementate per proteggere le risorse idriche, ma di promuovere un'allocazione efficiente tra usi concorrenti delle risorse e la condivisione della responsabilità tra gli utenti per raggiungere uno stato di qualità dell'acqua adeguato.

    

 

Are you looking for the best website template for your web project? Look no further as you are already in the right place! In our website templates section you will find tons of beautiful designs - for any kind of business and of any style. You are in a unique place - join us today BIGtheme NET