Geocapitalismo, scambio ecologico ineguale e crisi del valore - 2° incontro 8 novembre 2018

Indice articoli

 
 
 
 
 
 
 
  
 
 
 
2° incontro 8 Novembre 2018: "ENERGIA, VALORE, GEOCAPITALISMO. L’ANTROPOCENE RAZZIALIZZATO".
 
Discute:
 
 
Dario Padovan: Sociologo – Dipartimento di Culture, Politica e Società, Cattedra Unesco in Sviluppo sostenibile e Gestione del Territorio

 

DISCUSSIONE:

  •      Dinamiche locali e processi globali di sfruttamento, appropriazione, espropriazione.
  •       Legame tra razzismo locale e processi globali di espropriazione e privazione.
  •       Razzismo globale.
  •       Antropocene.
  •       Declino della “fertilità naturale del capitale”.
  •       Strategie per far fronte al calo del profitto a causa del declino della fertilità naturale del capitale.
  •       Geo-capitalismo inteso come formazione razziale globale.
  •       Traiettorie di razzializzazione dell anrtropocene.
  •       Razzializzazione astratta dei corpi.
  •       Scambio Ecologico Ineguale razzializzato.

La geo-razzializzazione è la forma razziale che l'antropocene sta assumendo, denotando una nuova fase del razzismo e riconfigurando le forme di discriminazione materiale e localizzate della vita quotidiana in una visione globale caratterizzata da una "geometria variabile". Per “Antropocene” si intende la recente fase geologica che la Terra sta attraversando, fase che segue quella dell’“Oleocene” (11.700 anni fa). L'Olocene era il lungo periodo in cui esistevano ancora luoghi di rifugio, anche abbondanti, per sostenere i processi di rigenerazione della diversità culturale e biologica, l'Antropocene riguarda la distruzione di luoghi e tempi di rifugio per gli umani e per i non umani.

L’Antropocene indica l’incidenza che l’azione umana ha sull’alterazione dei processi atmosferici, globali, idrologici, biosferici e di altri sistemi terrestri. L'Antropocene denota la crisi del sistema terrestre, ma fornisce anche una cornice per comprendere la distribuzione razzializzata delle sue cause e conseguenze. L'orizzonte che emerge presenta elementi cruciali e problematici per l'accumulazione globale del capitale, una delle quali è il declino della " fertilità naturale del capitale" o, in altre parole, la diminuzione di disponibilità di energia fossile a basso costo e di materie prime necessarie per catturare il lavoro vivo. Questa dinamica modella il rapporto tra lavoro morto e lavoro vivo, tra portatori di valore e valorizzazione del lavoro, ossia la composizione organica del capitale.

La razzializzazione cerca di risolvere il problema della gestione degli stanziamenti delle risorse, delegando ad alcuni gruppi disumanizzati il ruolo brutale dell'appropriazione e della manipolazione delle risorse naturali per la riproduzione di tutta la società. La connessione tra la ricerca del capitalismo di natura "a buon mercato" e l'organizzazione globale di una forza lavoro "economica", razzializzata e usa e getta, si basa sulla concezione del lavoro umano razzializzato come capitale costante semi-libero. L'Antropocene è la condizione esacerbante di dinamiche geo-capitaliste a discapito dei molti che diventano oggetto di sfruttamento.

Lo Scambio Ecologico Ineguale si riferisce ai danni per l'ambiente che l'esternazione di risorse naturali e che attività di produzione e di smaltimento hanno nei paesi meno sviluppati. In una serie di studi stanziati in un periodo di due decadi (1983-2002), Howard T. Odum sviluppò una teoria illuminante di ciò che chiamò "capitalismo imperiale", in cui lo scambio di energia incarnata (Emergia) era generalmente "centinaia di volte più alta", per dollaro, per i paesi periferici, che esportano risorse primarie rispetto alle controparti centrali. H. T. Odum fornì una modalità di analisi e un indicatore empirico con cui misurare i vasti guadagni ecologici realizzati dagli stati capitalisti centrali considerando le corrispondenti perdite inflitte alla periferia.

Le dinamiche di razzializzazione globale rivelano un duplice processo: da un lato stiamo assistendo a una razzializzazione globale che cambia sotto gli effetti del cambiamento climatico e di altri fenomeni analoghi legati ai regimi di cibo, energia, terra, acqua e materie prime. Dall'altro lato stiamo assistendo a un uso imperioso di discorsi razzisti, di affermazioni, di misure pubbliche e pratiche di violenza, un processo di razzializzazione locale volto a galvanizzare lo spirito razzista e razziale delle popolazioni bianche europee e americane contro migranti e rifugiati.

 

Are you looking for the best website template for your web project? Look no further as you are already in the right place! In our website templates section you will find tons of beautiful designs - for any kind of business and of any style. You are in a unique place - join us today BIGtheme NET

Contattaci

per qualsiasi domanda o informazione

Ecco come contattarci

Cattedra UNESCO
in Sviluppo Sostenibile e Gestione del Territorio
Università degli Studi di Torino

Dove siamo

  • Via Po, 18
  • 10124 Torino, Italia

Contatti

  • telefono: +39 011 670 2733
  • email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Facebook
  • Youtube